Outlet Arte
8set/12

LA CARTA DA ACQUERELLO

Bentornati,
di seguito alcuni consigli per la scelta della carta da acquerello:

innanzitutto il formato. Ricordiamoci l'uso che ne andremo a fare e che cosa vogliamo creare. Un foglio troppo piccolo può rivelarsi castrante, uno troppo grande.. frustrante. Cerchiamo perciò di avere le idee chiare. Non preoccupatevi, l'esperienza e il tempo vi aiuteranno!

Seconda cosa: la grana. La diversa consistenza e il diverso grado di granulosità consentono effetti molto diversi: la carta a grana fine consente di dipingere dettagli e di avere campiture di colore molto uniformi; quella a grana grossa permette velature con passaggi di colore più corposi, poiché trattiene molto più colore ma in maniera meno “pulita”.
Consiglio: in genere le carte da acquerello hanno ben visibile la filigrana del fabbricante. Il lato su cui dipingere è quello che mostra la filigrana nel verso giusto, ovvero leggibile!!

Il peso e lo spessore della carta sono il terzo aspetto da considerare.
Il peso viene espresso in grammi per metro quadrato (g/m2). Le carte leggere devono essere tese per evitare che si increspino a causa delle stesure di colore e soprattutto acqua. Le carte più pesanti, da 300 g e più, possono essere fissate a una tavola e usate senza altri trattamenti (si consiglia di fissarle lo stesso con dello scotch di carta o del nastro da tappezziere).

Come preparare la carta:
La cosa più importante è evitare deformazioni quando il colore si sarà asciugato.
Il metodo più efficace è quello di preparare un telaio di legno della misura del vostro foglio di carta e passarvi della colla tipo vinavil sui bordi, senza lasciare buchi. L'alternativa è quella di fissare la carta con abbondante scotch di carta o nastro da tappezziere (difficile da usare ma efficace!).
Il foglio di carta va BAGNATO! Lavatelo, immergetelo, fategli la doccia... come preferite, ma deve essere totalmente imbevuto e zuppo. Odorerà di muffa e funghi, è normale. Lasciatelo poi scolare, tenendone un angolo, per qualche secondo, quindi stendetelo sul telaio, con la parte ruvida rivolta verso di voi facendo attenzione alle grinze.. tendetelo bene! Sia che abbiate usato la colla o il nastro, fate attenzione che il foglio non si stacchi quando asciuga. È bene toccare la carta solo sui bordi mentre si procede, altrimenti creerà spiacevoli inconvenienti alla stesura del colore. Quando la carta asciugherà, sarà perfettamente tesa e rimarrà tale asciugando dopo ogni successiva bagnatura. Anche sul cavalletto sarà agevole lavorare con la carta tesa sul telaio. Quando il dipinto sarà ultimato, tagliate con un taglierino lungo la parte incollata.

Buona pittura!
Mauro

Di seguito un mio breve video tutorial:

Commenti () Trackback (0)

Ancora nessun commento.


Leave a comment

(required)

Ancora nessun trackback.